Roaming abolito dal 15 giugno: le scelte degli operatori mobili


, in Uncategorized
5 giugno 2017 0 commenti

  Dal 15 giugno sarà abolito il sovrapprezzo roaming in tutta Europa. Da quanto emerge da un’analisi delle mosse degli operatori mobili, però, […]

 

Dal 15 giugno sarà abolito il sovrapprezzo roaming in tutta Europa. Da quanto emerge da un’analisi delle mosse degli operatori mobili, però, la situazione per chi viaggia potrebbe essere ancora articolata. Innanzi tutto perché gli operatori continuano a differenziarsi con tariffe roaming che includono traffico roaming fuori dall’Unione Europea (per esempio in paesi “europei”, ma extracomunitari come la Svizzera). In secondo luogo, è complessa anche la gestione delle eccezioni a questo taglio dei costi roaming.

La normativa europea consente agli operatori di telefonia mobile di stabilire un limite per la quantità di traffico roaming che gli utenti possono effettuare. Per ora, solo Fastweb Mobile indica con esattezza i limiti, ovvero 500 minuti e 1 GB. Gli operatori principali dicono che applicheranno i limiti solo se ci saranno abusi o usi eccessivi da parte degli utenti. In questo caso, faranno scattare un sovrapprezzo e avviseranno l’utente non appena rileveranno questa circostanza.

Altro aspetto da mettere in evidenza è che il roaming gratuito viene garantito solo sul traffico incluso nella propria offerta. Pertanto non su quello di eventuali opzioni che possono essere applicate al piano. Di solito questo non costituisce un problema, a patto però di non avere un’offerta base con una quantità davvero limitata di traffico.

Lycamobile è il solo operatore a non permettere di usare alcun pacchetto di traffico in roaming; si paga tutto a consumo quando si è all’estero. Si evidenzia che non tutti gli operatori mobili virtuali hanno annunciato che si adegueranno alla normativa europea. Essi potrebbero avvalersi di una proroga di dodici mesi, in quanto minori. Si sono però adeguati i principali operatori mobili, tra cui Tim, Vodafone, H3gCoopVoce e PosteMobile.

[fonte: La Repubblica]



Tags: , , ,